Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Lunedì, Agosto 21, 2017

Ambiente

15 Febbraio 2015 by 0 Comment Ambiente 937 Views
Il Monte Ortobene - Bosco Il Monte Ortobene - Bosco Foto @zaramax

Il Monte Ortobene caratterizza le specialità ambientali della città di Nuoro. Si erge alle porte della città di Nuoro, da cui è raggiungibile facilmente imboccando viale Ciusa, ad oriente rispetto al centro abitato. Il rilievo è una massa granitica costellata di torrioni e pinnacoli dalla forma talvolta inusitata, con rocce antropomorfe e zoomorfe.

È incorniciato a nord dal rio Marreri e a sud dal fiume Cedrino, ad ovest dalle valli di Isporisile e di Maria Fruenza e ad oriente dalle valli del Rio Lovuli e di Funtana 'e Lidone. Il punto più panoramico è sicuramente il Cuccuru Nigheddu, da cui è possibile spaziare con lo sguardo dal Monte Albo fino all'altopiano di Orune. Nel monte si trova la chiesetta della Solitudine, realizzata negli anni Cinquanta del Novecento sul sito di una precedente chiesa seicentesca molto cara alla celebre scrittrice Grazia Deledda, le cui ceneri vi hanno riposato dal 1959 al 2007.

Enormi massi granitici talvolta ricoperti di folta macchia mediterranea e conifere impiantate negli anni Trenta del secolo scorso: questo è lo scenario di cui si può godere durante la salita che si effettua attraverso un'agevole e comoda strada panoramica. Fra i parchi più importanti, si segnala quello di Sedda Ortai, posto ad un'altitudine di 740 m sul livello del mare: ricoperto di pini e di lecci, è innervato da una pista ciclabile e dotato di pista per il pattinaggio. Di grande interesse anche il parco di Farcana e di Solotti, ubicato a poca distanza dalla Casa Diocesana comunemente conosciuta come "Casa del Vescovo", teatro di incontri e ritiri spirituali. In cima si trova la statua del Redentore, innalzata dallo scultore Vincenzo Jerace nel 1901, attorno a cui ruota la celebre festa omonima animata da manifestazioni folkloristiche sarde.

Per saperne di più

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.