Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Sabato, Giugno 23, 2018
0 Comment 3391 Views
Mastru Predischedda Mastru Predischedda Un disegno di Francesco Congiu Pes

Indice

 Presso Antonietta ’e Zoseppe, la quale era ed è ancor oggi, assistita come si sa da una reginetta in formazione di fiore, la più bella e simpatica vinattiera di Nuoro; (luogo questo insomma dove si riversa attualmente il flusso intelligente dei forestieri della nuova provincia), aveva fissato da tempo, nelle sue peregrinazioni serotine e nelle ore della siesta, trovando ivi da solo e non disturbato un buon bicchiere di vino, il suo quartiere generale. Per la qual cosa, come abbiamo detto, e come se sorgesse di scatto da un sonno profondo quanto ristoratore, fu lieto di lanciare in faccia a tutti il suo poetico: ”buenos dias, Consuelo!“ rivolto con tutto il suo pensiero a quella fiamma, e dato anche quale una sorprendente risposta alle lodi che di essa e del suo vino si facevano già apertamente e d'intorno.

Richiamato subito alla strozza e nella bocca chiusa per il suo maggiore effetto quel tal borboglìo gutturale, fece senz’altro capire agli astanti, i quali mostravano d’invidiarlo per tale preferenza, di es- sere egli — di quel tal sublimissimo oggetto — l'unico il solo ed il più competente padrone!... Nè potè, un’altra volta, arrivato a questo punto delle anime gemelle, fare a meno di riepilogare i ricordi della sua vita: non diciamo tutti, ch’erano molti e straordinari, ma soltanto quelli a cui, rinascendo come sentiva ed agghindandosi per la occasione, avrebbe voluto legare — arto verdadero — con un frasario di pura intenzione francescana, il suo grande e pur sempre giovanile spirito d’artista!...

In quel memento, ferma davanti agli occhi quella salda e ben piantata bellezza rusticana, se il suo orologio a grossi cerchioni ferroviari, consultato sempre come un diversivo da lui, ed in quel punto per osservare la inesorabilità dell’ora travolgente, avesse narrato e detto qualche cosa di sé, senza nulla nascondere, gli avrebbe certamente riferito da solo — allorché voleva un giorno deporlo col cuore, col portafoglio ed il resto davanti ai piedi di quella maliarda —, tutto il poema cavalleresco d’un amore pressochè indementito ed inavvicinabile sempre! Anche la storia d’una pensione fatta prima sperare e quindi fallita; andata a vuoto mentre sembrava di già, avanzate bellamente le trattative e le modalità da quelle labbra adescanti un fatto compiuto; concedendogli così ed in fine la chiusa d’un dorato e lietissimo epilogo; non fece altro, rammentandola ora a case e stemporaneamente agli amici, che addolorarlo di nuovo e farlo ricadere, con un discreto abbattimento, giacchè codesti stati d'animo si alternavano e si sovrapponevano spesso in lui,'in un cruccio tale come se si sentisse, con una specie di groppo alla gola affogato da molti tristi ed allarmanti pensieri.
I compagni ch’eran un po’ e come si capisce al-levati alle forche, visti maturare gli effetti, e proprio quelli che si eran proposti, ridevano e ridevano; e toccandosi


Vota questo articolo
(0 Voti)
Massimo Zara

Admin editor

Sito web: www.massimozara.it/ Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.