Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Sabato, Giugno 23, 2018
0 Comment 3403 Views
Mastru Predischedda Mastru Predischedda Un disegno di Francesco Congiu Pes

Indice

L'Esaltazione dei vini di Nuoro

A Nuoro, non appena giunge il suo tempo, prima cioè di entrare nell'inverno e mentre si va colle costellazioni verso il tramonto delle Pleiadi; (ma già ogni paese ha le sue abitudini che conserva gelosamente nè muterebbe per tutto l'oro del mondo), i nostri uomini, specie coloro che pur sentano apparentemente il freddo, si riuniscono a frottarelle di cinque o di sei e magari di otto o di dieci, e così imbaccucati, proprio per quel freddo che si fa presentire da queste nostre parti come in tutti i paesi di montagna, vanno qua e là determinatamente a zonzo, a cercare come si direbbe una nuova terra dove poter ammazzare un'ora e passare allegramente insieme le uggiose serate.

Nè vanno più; come andavano un tempo, attorno alle vecchie bettole dei vini d'Ogliastra e del Campidano; ma uniti od alla spicciolata, oppure in linea indiana come se si fossero organizzati per una qualche congiura o il compimento di un rito misterioso, si fermano con intelligenza là dove una frasca d'edera o di pungitopo, messa in cima ad un uscio recondito o fuori mano, annuncia la vendita del vino nero o rosso del paese;
di quello razzente in tutti i casi e che, pigiato ancora con i piedi come ai tempi di Noè, non fatto col bastone nè macchinato, vi imbelletta al primo sorso e vi inebria l'anima col solo profumo e con tutte le altre dolcezze e prerogative riservate al palato.

Oliena, ch'è il villaggio che si distende sotto il nostro sguardo, ed ha come tutti sanno il miglior vino del mondo, non desta più ora – proprio ora – alcunissima invidia per noi: se il suo vino è forte, forte come la terra vulcanica che lo produce, ed ebbe a suo tempo l'onore di essere celebrato da Gabriele D'Annunzio in un suo editoriale pubblicato moli anni fa nel Corriere della Sera, ed in cui il poeta faceva una bellissima e degna apologia ad una “sbornia quadriduana” presa da lui sul sito in compagnia di Cesare Pascarella e Scarfoglio (cosa della quale gli abitanti non seppero mai trar profitto), non si rinuncia peranco a quei nostri rotondetti e lisci, incantevolmente spumeggianti: di fronte a quello là che ha il primato... ch'è poderoso e s'impone come un re della terra, si resta tuttavia indifferenti.


Vota questo articolo
(0 Voti)
Massimo Zara

Admin editor

Sito web: www.massimozara.it/ Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.