Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Lunedì, Ottobre 15, 2018
0 Comment 6660 Views
Mastru Predischedda Mastru Predischedda Un disegno di Francesco Congiu Pes

Indice

 a quella buona amicizia che mostrava di voler ora trascurare guastare e perdere, era la cosa più naturale del mondo — e gliene faceva un’espressa comminatoria ed ingiunzione — acché cavasse tosto donde lo teneva in serbo, due o tre bottiglie di quel suo decantato; non per berlo a strapazzone e senza criterio, sibbene per mandarlo giù delicatamente, facendogli onore, a sorsate ed a schiocchi, come sigillo e tornagusto del primo...
Al vescovo poi, s’era un tantino di giudizio ed un uomo ragionevole come non dubitava, poteva benissimo, per giustificare il leggero ammanco, di cui non si sarebbe neppure accorto, dire, coi sempre dovuti riguardi, e qualora gliene avesse fatto cenno, che era passata di lì una comitiva con a capo un frate chierico ed altri questuanti a cui, tenuto conto della loro missione evangelica di povertà, non aveva avuto coraggio di dir di no, rimandandoli a casa a bocca asciutta...

Dandogli questi consigli da vero amico, sbalordendolo lì subito con certi giuochi di prestigio che incominciò a distribuirgli accompagnandoli con una filza di parole e di frasi accozzate insieme, diventò, dinoccolandosi in tutta la sua piccola e rotondeggiante mole, così flessibile, pieghevole e faceto, che colui, investito instancabilmente da tutte le parti, non seppe più dove trovar riparo, mentre senza poterlo, cercava qua e là di sgusciargli dalle mani, ridotte esse stesse, nell'insieme, ad una vera girandola.
— Ubeste Toniedda Secche?!.. Muttiemila!.. A passi tardi e lenti, collo scialle scolorito, li diana una cadda sotto il gelso fiorito...
A questa inaspettata improvvisazione così fuori luogo, gli amici che ora facevan circolo e gli si eran dopo i primi successi raccolti pù davvicino; non immaginando che quei versi potessero andare così staccati e da soli, gli gridarono ad una voce, soffogandolo come tanti ossessi, affinchè legasse e completasse meglio il pensiero.

Al che Frate Sole, fatta una piroetta ed un giro sui tacchi, senza punto abbandonare il bersaglio, e mentre la sua tonaca faceva volando per aria la crinolina, soddisfece alle richieste: — Sotto il gelso fiorito vegeta la maestra Fadda, sotto il gelso fiorito — non s’offendat Biolante Corbedda... — li diana una cadda!...
— Ah! Filipp de mastru Raffie’!... — riprese poi subito rivolto a quello e senza più dargli tempo a pensare: — Se tu se’ uno dei Sette fratée, come nessuno dubita e tutti sanno, io sono mastru Predischè... nipote di ziu Grabbiè... figlio di Cuccuréee... angopp e vicino di casa a madama Bruè!...
Quindi, dopo avergli fatto non so che altri giuochi colle mani, sì da stupirlo e non lasciarlo scappar più a nessun costo; afferratolo per il bavero del cappotto,


Vota questo articolo
(0 Voti)
Massimo Zara

Admin editor

Sito web: www.massimozara.it/ Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.