Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Sabato, Giugno 23, 2018
0 Comment 3387 Views
Mastru Predischedda Mastru Predischedda Un disegno di Francesco Congiu Pes

Indice

con una grossa e panciuta caraffa in mano; la quale, risciacquata e fatta poi sgocciolare per maggior garanzia, non parve più neppur di vetro, ma del più terso cristallo di Boemia. — E scomparve.
— Lo vedi, pagliunza e malrealz chi zes?... Che cosa ti é costato? Un sacrifizio forse? Solo adesso, dopo la prova che ci hai dato; avendo mostrato di essere un uomo d’ingegno e navigato, ti saluteremo, coll’andar via di qui e col lasciar questo luogo, colle parole nientemeno di Alvaro Tarie, trattandoti così — assistito dal genio di Urganda — come si conviene a un galantuomo par tuo: ,,Addio casa e lieto rifugio di Seuna, archivo de cortesia, albergue de los extrangeros et de los valientes peddones, addio!“ E poiché é giusto che partendoci di qui il nostro saluto non sia una fredda e semplice frase; dipinta dal nostro pittore Franc de Congiu-Pes, potrai innalzare nel tuo cortile (te ne diamo l’autorizzazione come se tu sia creato cavaliere), un’insegna col nostro fedelissimo ritratto e colle nostre firme; in modo che, vista da lontano, possa essa servire di richiamo ai viandanti d’ogni paese ed a quanti, bevuto già una volta ed a credito il tuo vino, non si ricordassero più, sciaguratamente, di pagarne il conto.

...Frugandosi in tasca, dove gli convenne — pre- muto da un tal pensiero — far leva col braccio con molte contorsioni ed incurvamenti forzati sui fianchi: — Luminos juches ? — disse, riprendendo animo e fiato: — ...Brusia cussa limba ’e boe!... — E messo qui tosto in evidenza, stendendolo per tutta la sua lunghezza un foglietto di carta, si compiacque, appressandolo alla fiamma, non appena l‘amico richiesto gli accese sotto i baffi un cerino, di vederlo allegramente bruciare… Era una vecchia cambiale che, dopo avergli per molto tempo rotti le vene e i polsi — i polsi dove più tardi aveva simbolicamente imprigionato sotto una reticella metallica non più quel suo primo ma un altro orologio da donna — aveva potuto finalmente pagare ed estinguere quello stesso giorno, dopo tanti e reiterati rinnovi, nonché dopo un'ultima e non più assecondante minaccia di protesto.

E basterebbe solo, per notar meglio il dispetto e tutta la repellente nausea e repulsione che quella gli aveva da tempo procurato, fissare l’attenzione su quel ,,cussa“ già sottolineato da noi, per persuadersene intieramente... leggendogli così ed un’altra volta nell’anima…
Ricomparso quindi il cantiniere con quella sua caraffa risplendente come on sole che uscisse allora dalle nuvole; coll’aggiunta d’un altro fiasco: cose che reggeva un po’ a disagio nelle mani impacciate e contro il petto e le ascelle, ché recava ancora e fra le dita a rischiarar meglio il gaudioso trofeo quella lucerna, inalzarono insieme, riattaccando il concordo e come al principiare d’una scena


Vota questo articolo
(0 Voti)
Massimo Zara

Admin editor

Sito web: www.massimozara.it/ Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.