Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Lunedì, Dicembre 17, 2018
0 Comment 8731 Views
Mastru Predischedda Mastru Predischedda Un disegno di Francesco Congiu Pes

Indice

non appena tirato su il sipario: ,,Benedittu s’acriore, ch’ er fruttu ’e puru binu...“.
E così per un pezzo, come se quelle note uscissero dalla canna d' un sol organo, la canzone vibrò umanamente sentita... Raccolta in quell’aria e nelle sue forti espressioni, come se al finire d’ogni verso, senza perder punto né mai la voce, dovesse quello fondersi in un solo impasto col secondo... Col terzo e col quarto... Inesauribilmente...

ll fantasma esorcizzato.

Epperò anche qui, venuta l’ora di versare nei bicchieri quel nuovo e sospirato vino, mentre tutto sembrava procedere oramai liscio e senza più inciampi, sorse un altro incidente di cui, anche volendolo, non potremmo fare a meno di non parlare.
Con un dulcis in fundo preparatogli tendenziosamente dagli amici, mentre si apparecchiava pronunciando il suo ,,si possibile est transeat mihi iste calix“ ad assaggiare lo escogido de los escogidos dei vini, ne fu bruscamente impedito. Uno della compagnia (non si seppe mai chi, chè ve l' avrei detto in quest’ ora di amichevoli confidenze); dolentissimo — così almeno si mostrava — di aver dimenticato in quell’ enumerazione e corsa fatta attraverso le bettble non so che nome, pronuncio — vedi fatalità — quello d'un tal Muschittu! ll quale nome, ricordando ivi non so che altre increscevoli circostanze, avrebbe voluto il dicitore, senza potervi pero riuscire, e per quanta vi s’impegnasse con un artefatta simulazione e diligente studio, ricacciare indietro.

Naturalmente, all’ udire lì ed in piena allegria un suono così ostico e repugnante: perocché per tutta la vita colui gli si era presentato come un vero ed insopportabile tormento, Frate Sole si mise tosto sulle difese; e sembrandogli di aver ivi ricevuto tra capo e collo l’annuncio d’una sospensione a divinis non meritata; la quale poteva frate sole 50 bar nuoro ficheciò nullameno lasciargli tracce e reliquati impressionanti, si accinse ad esorcizzare nel miglior modo possibile


Vota questo articolo
(0 Voti)
Massimo Zara

Admin editor

Sito web: www.massimozara.it/ Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.