Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Mercoledì, Agosto 15, 2018
0 Comment 4751 Views
Mastru Predischedda Mastru Predischedda Un disegno di Francesco Congiu Pes

Indice

lui spento per le vie di Nuoro? Allorchè qualcuno, designato espressamente quale suo esecutore testamentario, posando con un rimbombo tombale il cappello sul suo feretro, avrebbe proferito, come incominciamento delle cose e per restar meglio in carattere, la celebre frase: ,,liete arrideanle le speranze!“ fra la commozione gli scompisciamenti ed il pianto generali?...
Un uomo siffatto... che scherza e vuol ridere dopo la sua morte; che scrive tra le sue odi strabarbare i versi per Fileddu ed il Neo di Stefanina, nonché tra i molti componimenti sperduti o trafugati quell’ altro sul Dazio consumo, dov’entrano in funzione oltre che il Burchiello alcuni altri personaggi trattati da lui al vero e con una verve sorprendente, non può rappresentare, come molti miseri mortali, un semplice numero ed un foglietto d’anagrafe per il becchino.
Per me, sia ch’ egli si vesta da frate od in borghese,; che intraprenda, contati i soldi, dei viaggi di piacere in Italia o all’ estero e fino a Tunisi, indossando il barracano dell’ arabo o il fez del Turco, resta e resterà sempre scolpito come il tipo più intelligente e raro che abbia avuto, nel vero senso della parola ed in questi ultimi tempi, la città di Nuoro.
Godette e concepì la vita nella sua vera e non larvata idealità. Nei momenti lucidi di passione, quando questa si riscaldava al sole, era, come dicevo, d’un fascino irresistibile; senza mai s'intende, collocarvi, come tant’altri, l’intrusione d’alcuna bugiarda scuola o maniera.
Qualche volta, anche quando sembrava cadere nel- l'avvilimento o nell’ipocondria che lo rendeva qualcosa temibile all’aspetto, ringiovaniva e rientrava dirò cosi nel suo naturale mimetismo, allorchè Nanneddu Veracchi, uno dei suoi più cari amici ed il più fedele interprete di quel suo inno ,,Sa bida“, glielo cantava ancora — nelle ore piccole — sotto il balcone incipollato dell’ Americana, dove spesso, credendosi nel tutto dimenticato, si affacciava a contemplare il corso...; e dove anche, servendogli

frate sole 58 a tavola

opportunamente quel sito inesplorato da ripostiglio segreto per ogni sua piccola cosa o provvista, soleva pure istoriare


Vota questo articolo
(0 Voti)
Massimo Zara

Admin editor

Sito web: www.massimozara.it/ Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.