Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Sabato, Giugno 23, 2018
0 Comment 3407 Views
Mastru Predischedda Mastru Predischedda Un disegno di Francesco Congiu Pes

Indice

ed affrescare gli stipiti — messa avanti per i contemplativi riposi una sedia curule — con dei visini di monache e con quant’altro, riacceso il fuoco della fantasia, gli ricorreva alla mente o toglieva, con due soli colpi inspirati, alla tavolozza che teneva ivi appesa, e di cui si valeva in tutte le occasioni come della propria armatura l’eroe del Cervantes.
Ed è proprio in codesto declinante periodo della sua vita che, attaccato un’altra volta al cavicchio il tubino o capellaccio, il quale in un modo o nell’altro destava sempre l’ entusiasmo dei commensali per la sua forma antiquata ed ultrartistica, elaborava, a pranzo consumato e finito, con in mano una pipa napoletana a canna interminabilmente lunga, e nell’altra un bicchiere offertogli dagli amici, tra le ombre chinesi e gesticolanti di quel suo predicatore in cotta e stola, il canto carnescialesco intorno a ,,Cecco e Rosina“.

Oppure, trovandosi davanti a una tavola sparecchiata in faccia alle bucce d’un mandarino spugnoso od ai resti intrattabili ed indigeribili di qualch‘altro torsolo; distesi i piedi ben calzati nei sandali, sentenziava, con una reminiscenza pratiana ad hoc, mentre la sala si affollava per il Dencing da una parte e il cascherone dall'altra; col braccio armato e disteso verso l’udienza che applaudiva, e come se volesse così por termine e mettere assennatamente e con un calcio un punto alle cose che vedeva ingrossare e precipitare in quel suo ultimo curriculum vitae:

 

”Progenie impoverita,
che cerchi un ben lontano;
nella mia rosea mano
é il nappo della vita!...“

 


Vota questo articolo
(0 Voti)
Massimo Zara

Admin editor

Sito web: www.massimozara.it/ Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.