Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Giovedì, Aprile 26, 2018
0 Comment 1425 Views
Mastru Predischedda Mastru Predischedda Un disegno di Francesco Congiu Pes

Indice

Però, come ben si capisce, bisogna essere giovani per poter così intraprendere, colle ormai note brigatelle del bicchiere, l'anzidetta via crucis alla ricerca delle cosidette chiese.

Oliena (Congiu Pes)

Posso dirvi allora, a conferma di quanto oggi ne scrivo, che avvenga la cosa sotto la neve oppure sotto l'imperversare della pioggia o del vento, dimentichereste tosto, entrati in quel turbine, anche a volerli ricordare di proposito e con amara carezza, tutti i tristi pensieri... Persino quelli più forti e più e più gravi!...
Ma che cosa è mai la tristezza davanti a un vino che scintilla come il nostro (e qui scintilla davvero come il tabacco di contrabbando messo al fuoco), offertovi da due occhi che superbamente vi sorridono e v'incendiano? Che vi apprendono, mentre sognate o state svegli e pensate, la delizia del vivere e del godere?... Ed è precisamente qui, allorchè una nube vi funesta, vi angoscia o vi attraversa comunque l'anima colla minaccia di sopprimervi o schiantarvi, che vi torna in mente come una benedizione e una provvidenza, il famoso papaliter, l'aedamus cioé et il bibamusa cras enim moriemur di Benedetto XII!

Vini dunque d'incanto e di bellezza sono questi nostri; per loro mezzo soltanto, avvicinandoli alla bocca o fiutandoli, giacché non hanno essi alcuna figurazione simbolica ma una realtà costante, possiamo rivivere nell'estasi del passato e diventare d'un subito – se non lo fossimo mai stati – uomini forti ed agguerriti, disposti dico al sacrificio dell'amore; ma di quell'amore, intendiamoci, che non entra in petto né si comprende ove manchi od esuli per intero l'allucinazione desiderata: quella cioè che proviene dal nettare che serpe fluidamente come linfa ed estrema e poetica dolcezza per le vene.
La donna di Nuoro è magnifica e squisita come ilo suo vino; ma giustappunto per questo, e perchè nata in una terra di granito e di fuoco, non saprebbe amarvi nè concepirvi menomamente se prima non le avrete dato in compenso la prova di sapere fortemente amare come va fatto il paese della forza e del pensiero dedicandovi – almeno per un'ora – ma sempre intieramente e devotamente, alla passione e al godimento di quell'altro altare.


Vota questo articolo
(0 Voti)
Massimo Zara

Admin editor

Sito web: www.massimozara.it/ Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.