Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Lunedì, Dicembre 17, 2018
0 Comment 8721 Views
Mastru Predischedda Mastru Predischedda Un disegno di Francesco Congiu Pes

Indice


Frate Sole al convento.
Ma eccoci giunti, senza neppure accorgercene, alla storia vera e propria, a quella cioè che maggiormente c’interessa e ci preme, e che per molti rilievi strettamente attinenti alle cose dette, scaturisce anche, per quanto ci sembra, spontanea.

frate sole 15 attesa 800x511

Uscendo una sera dalle tane dell’ex convento, dove il Comune di Nuoro aveva allora confinato la scuola elementare, condannando così e come nulla un migliaio di bambini a marcire là dentro, Frate Sole, intabarrato più che mai per il freddo improvviso e la temperatura abbassata; coperta la testa del suo largo cappuccio donde usciva il grugno ed il pizzo scalcagnato in corrispondenza ai baffi ed alle sopracciglia, nonché ai greppi densi ed inesplorati degli occhi, attendeva da solo, appié d'una colonna e croce gigliata di granito — scomparsa anch'essa né più esistente oggi, ma che si poteva benissimo rassomigliare a quell’ altra di san Dionigi descritta dal Manzoni — i suoi carissimi confratelli; i quali, non arrischiandosi a causa del tempo d‘uscire all’ aperto, s'indugiavano nei corridoi e negli antri.

ll tempo infatti si rannuvolava di fuori, tantochè cominciava a soffiare dall’alto ed in vera tormenta il nevischio: la neve che, cadendo e sfaldandosi poi abbondantemente, non tardò ad imbiancare in un attimo la strada ed il resto. Voltando qui ed ogni tanto le spalle con una smorfia ed un senso di molestia, quando se la sentiva posar fredda ed altrettanto leggera sul viso e sulle fratte, tossicchiava impaziente tra sè e sè, come se recitasse un rosario od un salmo; e lì stesso, volendo introspettivamente bilanciarsi intorno alla spesa che avrebbe incontrato per suo conto quella sera, guardava alla sfuggita, arricciando contemporaneamente la bocca e il naso e perfino l’occhio, l’ orizzonte in combustione: quell’orizzonte che la mandava giù come se l’avesse fatta espressamente per lui. Qualche volta, a spurgo maturo, parando dinanzi a sé e robustamente e come una corazza il petto immacolato,


Vota questo articolo
(0 Voti)
Massimo Zara

Admin editor

Sito web: www.massimozara.it/ Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.