Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Mercoledì, Agosto 15, 2018
0 Comment 4749 Views
Mastru Predischedda Mastru Predischedda Un disegno di Francesco Congiu Pes

Indice

— No! non balet, no! Acriores ti piccata! E questa risposta così pronta e genuina, dov’ era contenuto un concetto artistico ed eloquente quanto mai; proferita prontamente da lui coll’aspirare colle sole froge l’aria purissima che lo circondava, risonò piena e magnifica verso e davanti la strada, quasichè gli allargasse da sola e sempre pù il godimento sospirato che si era ripromesso e proposto di assaporare...

frate sole verso la meta 800x449

Cammina cammina dietro i suoi passi e le orme sbullettanti di quelle sue grosse scarpe (chè i sandali li riservava solo per la città e per l’estate); liberato ormai dalle torture di quella sua cella conventuale, dove soltanto gli perveniva di quando in quando un’abbondante scodella di Joghurt, e ciò in omaggio alla cura chemioterapica del dott. Vittadini di Milano, zampettava disincagliato come un ragazzo; indi, brandendo ogni tanto e per aria, con quella sua mano inanellata e a più doppi il bastone, come se volesse fare un'ultima carezza alla neve e al tempo tentatore, passò senz’altro al comico: a quella comicità ch'egli sapeva trattare esimiamente e da vero ed impeccabile artista.

Dimodoché, avvicinandosi ognora al luogo stabilito ed aumentando di conseguenza il buonumore ed il brio (non per richiamare in sè e negli altri un nuovo flusso di sangue di cui non avevan bisogno, ma solo perché volessero gli amici fare anche loro tacitamente e come lui aveva fatto i conti colla borsa), cercò di solleticarli il più possibile su un tal ordine di idee, senza però fargliene — e qui stava il segreto — cenno o parola.

Sicché, guardando da solo e con mille smorfie quelle sue scarpe nuove di corame, le quali sembravano uscire più lustre e non toccate dalla neve, canticchiava a spiano, fermandosi ogni poco: ,,Sos iscarpones non sunusos tuos, ca sunu anzenos e galu a pagare...“ E ricordando per necessità di cose il suo calzolaio consigliere comunale, mostrava compiacentemente agli amici quei suoi cimelii invidiati ed intangibili, ripetendo, col tirare un pochino il lembo della sottana e battendo allegramente le parole contro i denti stretti e le labbra che facevan giuochi (e si vedeva proprio in quel movimento un senso espresso


Vota questo articolo
(0 Voti)
Massimo Zara

Admin editor

Sito web: www.massimozara.it/ Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.