Ciao!, devi sapere che questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. I cookie di profilazione vengono utilizzati dai grandi portali come Google, Amazon, Facebook, Ebay ecc... Questi desiderano conoscere le nostre abitudini per poi proporci (nostro malgrado) le loro migliori offerte commerciali. Io non mi sogno per niente di fare cose del genere col mio sito.

Tuttavia, anche in questo sito, possono esserci dei rimandi ai portali/siti che fanno profilazione (p.es. tramite i social), ecco perchè, per saperne di più, devi accedere all'informativa estesa cliccando sul tasto Vuoi saperne di più?, diversamente, cliccando sul tasto Va bene, ho capito! o proseguendo nella navigazione, acconsenti automaticamente all'uso dei cookie. Grazias.

Lunedì, Ottobre 15, 2018

Bonamassa @ Milano Teatro Arcimboldi

13 Marzo 2014 1 commento News 871 Views
Joe Bonamassa in azione a Milano Joe Bonamassa in azione a Milano Foto @zaramax

Ore 23.30 del 8 marzo 2014 - Concerto finito. 2h, 30' di energia pura spalmata con forza sul pubblico del teatro Arcimboldi di Milano.

Prendete tutto l'hard rock dei '70, ma proprio tutto. Aggiungete il Blues dei '50 e '60, mischiate bene, ma proprio bene! Avrete ottenuto quel mostro chitarristico che è Jon Bonamassa. Lo conoscevo poco e gli ascolti forzati dei 15 giorni prima della trasferta mi avevano fatto capire che stavo per andare a sentire un tipo veramente tosto.

Nessuno  è rimasto deluso, il teatro pieno faceva capire quanto Joe sia amato dai suoi fan (fra i quali ora ci sono anche io!). Una prima parte acustica secondo lo stile dei vecchi concerto country/rock degli anni '70, iniziando con... Una incredibile versione acustica di Highway To Hell degli AC/DC che abbiamo ascoltato registrata in quanto è un pezzo coverizzato dagli Hayseed Dixie (band acustica che non conoscevo!).

Seduto con otto chitarre intorno, ne ha usata una per ogni pezzo suonando accompagnato da alcuni dei migliori musicisti in circolazione, pensate che era con lui alle tastiere Derek Sherinian ex-Kiss, ex-Alice Cooper, ex-Dream Theater, un vero "mostrovirtuoso" delle tastiere, a completare la band c'erano Lenny Castro (percussioni), Gerry O'Connor (violini e banjo) e Carmine Rojas al basso (David Bowie, Rod Stewart e Stevie Wonder) mentre alla batteria pestava maledettamente un potentissimo Tal Bergman (Herb Alpert, Billy Idol, Chaka Khan, Simple Minds).

Dopo 50' minuti acustici, 10' minuti di pausa per il cambio set... Ed ecco che la spina, una volta riattaccata, portava tanta elettricità da consentire ai watt di volare per il teatro regalandoci la potenza della chitarra elettrica, le vibrazioni del basso e della batteria che insieme generavano così tanta adrenalina da far passare quasi tre ore senza nemmeno che ce ne accorgessimo. Le tastiere di Derek Sherinian ci hanno portato spesso su atmosfere Prog e Hard Rock, a volte pareva che Jon Lord fosse al suo fianco per ispirargli gli assoli :-)

Così è andata via una magnifica serata di grande musica in cui tutti i generi dal Blues all'hard Rock si sono infilati in quel concentratore di note che è la sua chitarra... Anzi, dovrei dire: le sue chitarre, visto l'alto numero di strumenti che cambiava durante l'esecuzione dei diversi brani.

Dopo la gioia per l'evento, rimane l'amarezza per il fatto che in Italia certi fenomeni passano inosservati, c'è uno zoccolo duro di amanti del genere, non c'è dubbio, ma purtroppo i mezzi d'informazione non danno spazio alla qualità e si limitano ad informarci sulle banalità pop che l'Italia riesce a produrre in massa; non è così che si crea un pubblico di qualità, anzi, si crea un pubblico che subisce le scelte commerciali dell'industria discografica e lo si costringe a vivere come se fosse chiuso in una stanza al buio e non sapesse che al di fuori ci sono il sole e la primavera.

Noi poveri testardi continueremo a cercare autonomamente il nostro cibo per la mente!!

La scaletta del concerto (Grazie a: http://www.outune.net)

[Acoustic set]

Woke Up Dreaming
Seagull (Bad Company cover)
Jelly Roll (Charles Mingus cover)
Black Lung Heartache
Around the Bend
Jockey Full of Bourbon (Tom Waits cover)
Stones in My Passway (Robert Johnson cover)
Ball Peen Hammer (Chris Whitley cover)
Athens to Athens

[Electric set]

Dust Bowl
Oh Beautiful
Who’s Been Talking (Howlin’ Wolf cover)
Midnight Blues (Gary Moore cover)
Slow Train
Driving Towards the Daylight
Love ain’t a love song
Sloe Gin (Tim Curry cover)
The Ballad of John Henry
Django
Mountain Time

Tutte le foto: 2014 03 08 Milano - Joe Bonamassa

 

Vota questo articolo
(0 Voti)

1 commento

  • koeb foldeknive til salg
    koeb foldeknive til salg Giovedì, 16 Agosto 2018 14:58

    An impressive ѕhare! I've just forwarded thіs onto а colleague who hadd been conducting a little homework on this.

    And he іnn fact bought me dinner because Ι foun it for him...
    lol. Sο allow me tօ reword this.... Thanks for thе meal!!

    But yeah, thanks foгr spending the time to discuss
    thіs subject һere on your blog.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.